La Bunge ci prova a Latina contro una Top Volley trascinata da Fei

La Bunge ci prova a Latina contro una Top Volley trascinata da Fei

Latina-Ravenna 3-1
(28-26, 21-25, 25-23, 27-25)
TOP VOLLEY LATINA: Klinkenberg 10, Rossi 7, Fei 26, Maruotti 7, Gitto 14, Sottile 2, Fanuli (L); Pistolesi, Strugar, Quintana, Penchev 1. Ne: Cacciappola (L), Ishikawa. All.: D. Bagnoli.
BUNGE RAVENNA: Spirito 2, Lyneel 14, Ricci 9, Torres 24, Van Garderen 7, Bossi 1, Goi (L); Kaminski 7, Leoni, Raffaelli, Grozdanov 11, Marchini. Ne: Calarco. All.: Soli.
ARBITRI: Fabrizio Saltalippi di Perugia e Marco Zavater di Roma.
NOTE – Latina: bs 10, bv 4, errori 14, muri 10; Ravenna: bs 17, bv 7, errori 18, muri 15. Spettatori: 755 persone. Durata set: 30’, 26’, 29’, 34’ (tot. 119’).

La Bunge come sempre lotta con generosità e con il cuore, ma questa volta non basta a Latina contro una Top Volley trascinata da Fei, top scorer del match con 26 punti e spesso imprendibile dal muro giallorosso. A parte la seconda frazione, vinta da Torres e compagni, tutti i set si svolgono nel massimo dell’equilibrio, con il rammarico di una mancata rimonta ‘impossibile’ nel terzo (da 24-17 a 24-23) che si è rivelata decisiva nel risultato finale, che ha visto la vittoria dei padroni di casa per 3-1. In una classifica dove ci sono ben sette formazioni nel breve spazio di sei punti, la squadra di Soli resta al nono posto, sempre a due lunghezze dall’ottavo di Vibo Valentia.

Sestetti titolari I padroni di casa della Top Volley vengono schierati dal tecnico Daniele Bagnoli con Sottile in regia, Fei opposto, Klinkenberg e capitan Maruotti schiacciatori, Gitto e Rossi centrali e Fanuli libero. Coach Soli ripropone invece il ‘solito’ sestetto, formato dal palleggiatore Spirito, dal martello Torres, dalle bande Lyneel e Van Garderen e dai centrali Bossi e Ricci (libero Goi).

Primo set Un ace di Torres e un muro di Spirito spingono sul 2-7 la Bunge, che neutralizza un break di Gitto (4-7) e che aumenta il vantaggio con Bossi: 8-14. Un black out collettivo consente il recupero della Top Volley, che si porta sul 14-15 grazie a un servizio vincente di Penchev, entrato al posto di Maruotti. Klinkenberg a muro firma il sorpasso di Latina (17-16), ma Ricci e Grozdanov cambiano ancora l’inerzia della frazione: 17-19. Ricci porta a +3 il gap (18-21), ma Rossi, Fei e un’invasione rimettono il punteggio in equilibrio: 22-22. Un muro di Gitto vale il 24-23 dei laziali, che si vedono annullare tre set point da Torres e Grozdanov, ma una palla accompagnata di Lyneel e un’invasione di Spirito valgono l’1-0 dei padroni di casa (28-26).

Secondo set I muri di Torres e Ricci mandano avanti la Bunge (5-9), in campo con Kaminski per Bossi, la Top Volley risponde con Klinkenberg (7-9) e Lyneel riporta a +4 i suoi in battuta: 7-11. Fei riduce di una lunghezza il gap (12-13), Torres ridà fiato ai giallorossi (13-16), che mantengono le distanze con Spirito e accelerano con Lyneel: 17-22. Un ace di Fei fa tremare i giallorossi (21-23) e Soli ferma il match: al rientro in campo Torres mette a terra la palla e Lyneel non sbaglia la rigiocata, con la Bunge che si aggiudica la frazione e pareggia il conto (21-25).

Terzo set Maruotti e Gitto scavano subito un piccolo solco di tre punti (5-2), obbligando Soli al time out, e Kaminski con un ace spinge sotto la Bunge: 7-6. Torres riporta l’equilibrio in campo (8-8), ma poi sbaglia regalando il +2 a Latina (10-8), che schizza sul 12-9 con Gitto. Lyneel prima riduce a -1 lo svantaggio (14-13), ma poi subisce il muro di Sottile che da il la a un break di 6-0 sul turno al servizio di Gitto: 20-13. La Top Volley va sul 24-17 grazie a Maruotti, i giallorossi annullano cinque set ball con Torres (due ace) e Van Garderen, con Bagnoli che chiama time out: 24-22. Il portoricano piazza un’altra battuta vincente per il 24-23, ma Van Garderen non approfitta della rigiocata e si fa murare: 25-23 e 2-1 per i laziali.

Quarto set Un errore di Maruotti, Torres e un muro di Kaminski provocano un break di 4-0 che spedisce la Bunge sul 2-6: time out di Bagnoli. Fei spara fuori e viene murato da Grozdanov (2-8), ma poi si riscatta firmando il 6-10. Klinkenberg a muro e Maruotti al servizio dimezzano il vantaggio (13-15), mentre la schiacciata fuori di Lyneel e una rigiocata di Fei lo annullano del tutto: 16-16. Il muro di Fei su Lyneel e un errore di Torres spediscono i laziali sul 20-17, ma Van Garderen suona la carica fermando l’opposto avversario: 20-19. Sempre Fei tiene a distanza Ravenna (22-20), che raggiunge la Top Volley con un ace di Torres: 23-23 e Bagnoli ferma il match. Il portoricano sbaglia la battuta, Grozdanov annulla il primo match point, Lyneel il secondo, ma sul terzo (27-25) i giallorossi commettono un’invasione tra le (giuste) proteste di coach Soli, che però non ha più video check a disposizione, e si inchinano 3-1.

Le dichiarazioni al termine del match
Maurice Torres (giocatore Bunge Ravenna)
: “Purtroppo i miei cinque ace non sono arrivati nel momento giusto della partita. Non siamo riusciti a esprimere il nostro gioco come al solito e siamo mancati in continuità. Ci sono stati momenti di alti, ma anche di bassi, che di fatto hanno vanificato le cose buone che abbiamo fatto. Non occupiamo una posizione in classifica che ci piace e cercheremo di conquistare altri punti per raggiungere i nostri obiettivi. La prossima gara sarà contro Modena e dovremo prepararci al meglio. Io sono pronto a prendere delle responsabilità e a giocare tanti palloni. Voglio continuare sempre su questa strada e spero di fare meglio nel prossimo futuro”.