Grande festa del volley e 3-0 dell’Italia sulla Cina in un De Andrè da tutto esaurito

Grande festa del volley e 3-0 dell’Italia sulla Cina in un De Andrè da tutto esaurito

Il vero spettacolo, ed era tutto previsto, prima che in campo e del facile 3-0 delle azzurre si è visto sulle tribune di un Pala De Andrè da tutto esaurito (circa 3500 i presenti) e soprattutto dall’età media veramente molto bassa. A Ravenna, del resto, la pallavolo (e la femminile in particolare) ha un bacino d’utenza infinito e tutte le società della città e della provincia hanno riempito il palasport con le loro giovani atlete, entusiaste di vedere da vicino le azzurre e libere di sognare di essere al loro posto tra qualche anno.
Per celebrare i 50 anni dell’Olimpia, la società femminile più vincente d’Italia, che ha organizzato l’evento assieme al Porto Robur Costa, la nazionale femminile è tornata a Ravenna dopo 24 anni e l’ha fatto con un coach nato e cresciuto qui in tutti i sensi: Marco Bonitta. Il tecnico azzurro come previsto ha portato al De Andrè una squadra giovanissima e futuribile, perché le big (comunque presenti come spettatrici e applauditissime) verranno chiamate in causa più avanti, quando bisognerà preparare al meglio gli Europei del prossimo settembre.
Sestetti giovanissimi, entrambi ampiamente under 23. Quello azzurro vede Malinov opposta a Sorokaite, Calloni e Folie al centro, Egonu e Guerra in banda e Spirito libero. Cinesi con Chen in regia in diagonale con Qin , Liu e Song in banda, Zheng e Xu al centro e Wang libero. Il primo punto è orientale ma poi c’è solo Italia, con tanta Egonu (dicembre 1998) e la buona regia della doppia figlia d’arte Malinov. Si va 8-3 e 13-6 con semplicità, poi le azzurre si arenano e Bonitta è costretto al time-out sul 22-19 (parziale di 1-6). Chiude Egonu (8 punti per lei) al secondo set-ball. Cina più reattiva nel secondo set grazie all’ottima Liu Yanhan (14-16), l’Italia mette la testa avanti e la soluzione arriva in volata punto a punto ed è ancora azzurra con Sorokaite che chiude il break azzurro di 11-6 partito dopo il secondo tempo tecnico.
Sestetto italiano confermato anche nel terzo set e le azzurre rispondono ancora bene al tecnico ravennate prendendo subito il comando delle operazioni (10-7) ed allungando in progressione (16-9, 20-12). C’è spazio anche per la giovane ravennate Melandri mentre le giovani cinesi si sciolgono e l’Italia chiude in carrozza proprio con la ragazza di casa. Partita breve ma grande serata azzurra in una città che sui nutre da sempre di pane e pallavolo.

IL TABELLINO

ITALIA-CINA 3-0 (25-22, 25-22, 25-13).
ITALIA: Malinov 5, Folie 10, Egonu 13, Sorokaite 12, Calloni 7, Guerra 9, Spirito (libero), Perinelli, Melandri 3. Ne: Loda, Camera, Parrocchiale, Sylla, Pisani. All. Bonitta.
CINA: Chen, Xu 7, Qin 4, Song 2, Zheng 4, Liu 20, Wang (libero). Ne: Cheng, Duan, Gong, Zhang. All. Jiande Xu.
Arbitri: Satanassi e Gnani.