Avanti Modena (3-1), ma tanti e meritati applausi per la Cmc dai 3.000 del Pala Credito

Avanti Modena (3-1), ma tanti e meritati applausi per la Cmc dai 3.000 del Pala Credito

Si ripete, almeno nei numeri ‘pesanti’, il match di sette giorni prima a Modena.

La Cmc parte meglio, vince con merito il primo set e poi prova a vendere cara la pelle, ma alla distanza la differenza di caratura tecnica emerge e spedisce alle semifinali un Parmareggio che tuttavia ha dovuto faticare sia per la prova volitiva dei ravennati che per il pomeriggio non indimenticabile dei suoi uomini-chiave. Bruninho e Ngapeth si sono accesi solo a sprazzi, Petric invece ha replicato la gara non eccezionale del Pala Panini.

Ravenna chiude una stagione positiva perché ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati (quarti Coppa Italia, semifinali Challenge Cup, playoff-scudetto) nonostante i problemi di budget che hanno comportato anche il trasferimento a Forlì. Meritati e convinti, quindi, gli applausi che i 3000 del Pala Credito hanno riservato infine ai beniamini di casa.

Cronaca

L’avvio della Cmc è come sempre accade quando dall’altra parte della rete c’è Modena: concentrato in tutti i fondamentali oltre che incisivo al servizio: Ravenna va avanti 6-3 con Renan in palla poi il Parmareggio con Ngapeth recupera due punti e pareggia sull’errore di Cebulj (9-9). Ospiti anche avanti di un punto poi Cebulj entra in partita e controsorpassa, imitato prontamente da un uno-due di Bruninho. Ravenna alza il muro e si va 17-15, Lorenzetti mette Sala per Piano ma salta subito l’intesa con Bruninho, però lo stesso centrale rimette in carreggiata i suoi con un ace e di lì a poco è ancora parità (20-20). Ngapeth, con l’unico guizzo del suo set, ribalta con due punti il 24-23 ravennate poi sbaglia il servizio e Cavanna mura Petric. Koumentakis spreca il secondo set-ball ma alla terza occasione Cebulj sigla il punto decisivo. Nonostante la sofferenza i numeri (5 muri a 0, 58-41% in attacco) sono tutti dalla parte della Cmc. Modena reagisce all’inizio del secondo set quando il suo muro inizia a funzionare e Ngapeth risolve un paio di situazioni confuse (6-9). Il Parmareggio allunga in progressione (10-16) anche grazie ad un rosso a Bari, dall’altra parte si ferma Renan e Modena chiude alla seconda occasione con Vettori.

Il Parmareggio cerca la fuga anche all’inizio del terzo set ma Ngapeth ancora non c’è al pari di Petric e Bruninho sbaglia qualcosa, d’altro canto la Cmc non molla mai e pareggia a quota 11. Ora Ngapeth entra in scena ed è subito 12-17 con quattro punti del martello ospite. Jeliazkov sostituisce Renan, la partita è sempre tesa e Bruninho riesce a prendersi un rosso dopo una decisione a suo favore, alla distanza però la Cmc molla decisamente la presa (28% in attacco) e il Parmareggio chiude a muro.

Nel quarto set Kantor conferma Jeliazkov ed è proprio il bulgaro l’unico che riesce ad opporsi concretamente agli ospiti tenendo bene in partita la Cmc (10-11). Alla distanza, però, in pochi lo seguono e Modena controlla fino alla fine. Semifinale per gli emiliani, tanti applausi per i ravennati.

 

IL TABELLINO

CMC – PARMAREGGIO 1-3 (29-27, 19-25, 19-25, 21-25)

CMC RAVENNA:  Mengozzi 5, Cavanna 3, Cebulj 12, Cester 9, Renan 9, Koumentakis 10, Goi (L), Bari (L),  McKibbin, Gabriele, Jeliazkov 11. Ne: Zappoli, Ricci. All. Kantor.

PARMAREGGIO MODENA: Piano 1, Vettori 12, Petric 15, Verhees 11, Bruninho 4, Ngapeth 23, Rossini(L),  Sala 6, Casadei, Kovacevic 2. Ne: Donadio, Soli. All. Lorenzetti.

Arbitri: Boris e Simbari.

Note. Spettatori 2911, incasso 19.050. Durata set:  36’, 27’, 27’, 27’, totale 117’.  Cmc: bs 15, v 2, m 11, 2l 7, e 28. Parmareggio: bs 21, v 9, m 6, 2l 12, e 29.

 

IL DOPO PARTITA

Waldo Kantor: “Sono contento della stagione dei miei, molto buona in tutte le competizioni. Non sono altrettanto soddisfatto di questa partita perché siamo calati troppo dopo il primo set”.

Angelo Lorenzetti: “E’ stata una partita difficile contro una buona squadra, non era facile chiudere in due set la serie e quindi faccio i complimenti ai miei giocatori ma voglio estenderli anche a Ravenna, che ha disputato due belle partite”.

Scarica il tabellino